di settembre 2010
Presentate le squadre del Costone

IL COSTONE HA PRESENTATO I SUOI GIOIELLI
UN VALORE AGGIUNTO: LA SENESITA’
di Roberto Rosa

VEDI TUTTE LE FOTO

La voglia di costruire sempre più un ambiente caloroso e nel contempo dinamico, è nelle prerogative del pianeta Costone, inteso come entità sportiva comprendente le due anime cestistiche. E’ un Costone dunque in netta crescita anche se lo sdoppiamento delle sedi, quella storica, rappresentata dal Ricreatorio Pio II, nel cuore di Siena, e la struttura super sportiva all’immediata periferia di Siena nord, qualche problemimo di carattere logistico lo ha creato, ma è nell’intenzione dei dirigenti e del presidente don Giuseppe Acampa rinsaldare il legame che lega queste due entità, con tutta una serie di iniziative che avranno come scopo un percorso educativo-formativo rivolto ai giovani. E di giovani lunedì sera al PalaOrlandi ce n’erano davvero tanti, grazie ai settori giovanili delle due società, che hanno fatto da degno contorno alle prime squadre della Consum.it che prenderanno parte, quella femminile, al campionato di serie A2, l’11° consecutivo, come ha tenuto a precisare il presidente Luciano Ghezzi nel suo intervento, e quella maschile al campionato di serie C. <Vogliamo fare sport con i ragazzi della nostra città, è questo il nostro valore aggiunto> ha tenuto a precisare il n.1 dell’A.S. Costone, Patrizia Morbidi, le cui parole hanno riscosso ampi consensi. Prima dei due presidenti, era toccato a don Giuseppe Acampa dare il via agli interventi: <Oggi al Costone noi pensiamo e viviamo lo sport come luogo dove ciascuno può ritrovare la verità della propria persona a partire dall’incontro vivo con il proprio corpo, con l’allenatore, con i compagni di squadra>, parole che si ispirano alla dottrina del fondatore mons. Nazareno Orlandi. Al tavolo d’onore anche il presidente della Consum.it Ernesto Rubizzi, il quale si è complimentato con le due società per l’impegno profuso. Il Sindaco di Monteriggioni Bruno Valentini ha sottolineato l’importanza dell’impegno costoniano: <I soldi che sono serviti per creare tutto questo, evidentemente sono stati spesi bene> ha dichiarato Valentini, riferendosi ovviamente al contributo della Fondazione per la costruzione del bellissimo impianto di Montarioso. Un caloroso e sentito saluto è pervenuto anche dal rappresentante del Coni provinciale Roberto Montermini ed all’assessore del Comune di Siena Massimo Bianchi. Oltre 400 le persone intervenute che alla fine hanno applaudito i componenti delle due squadre alle quali è stata consegnata ufficialmente la maglia da gioco, una maglia pesante con addosso oltre un secolo di storia. 


E TUTTI A CANTARE “BANDIERA GIALLA”!
BASKET E SHOW AL PALAORLANDI PER LA PRESENTAZIONE UFFICIALE DELLE SQUADRE CONSUM.IT COSTONE

Musica e sport, un connubio non sempre proponibile, ma questa volta si è provato a miscelare queste due componenti ed il risultato è stato ampiamente apprezzato. Difatti, dopo l’ingresso sul campo di gioco della bella e brava presentatrice Carlotta Lorenzetti, al suo debutto assoluto con il microfono in mano, scortata dai due speaker ufficiali delle squadre costoniane, Gianmaria Fanti e Guido Carli, è toccato al duo canoro composto da Cosetta Francini e Renzo Bianciardi, gioiellieri di professione (al loro attivo anche la realizzazione del Masgalano 2003 offerto dalla Società Dante Alighieri di Siena) e cantanti per diletto con scopi benefici, inondare il PalaCostone con le note di Bandiera Gialla, un motivo anni ’60 che è diventato quasi un inno per l’ambiente costoniano. Il duo si è poi cimentato in altre performance canore, con la dedica pervenuta dalla squadra maschile a quella femminile con un “Occhi di ragazza” scaturita dalla calda voce di Renzo, e viceversa con “10 ragazzi per me” intonata dalla superba voce di Cosetta. Straordinaria l’interpretazione a due voci di “Grazie perché”, sottolineata da vere ovazioni. E’ toccato poi ai due giovani speaker presentare le squadre in stile pre-partita, con la giusta enfasi e con sottofondi musicali da new-generation, per un Costone che nonostante i suoi 104 anni, si sente, e lo è, sempre più giovane.
R.R. 

BELLA E ORIGINALE LA CERIMONIA DI PRESENTAZIONE DELLE SQUADRE DEL COSTONE
di Guido Carli
Il Costone si prepara ad un'annata che la consacri come società di vertice nel panorama non solo della pallacanestro senese: a testimonianza di ciò, si è voluto iniziare dalla presentazione delle squadre che rappresenteranno l' associazione sportiva dell'oratorio Pio II, che si è svolta ieri sera al PalaOrlandi e che è stata allestita in grande stile.
La novità più rilevante e bella, nel vero senso della parola, è stata la conduzione affidata alla splendida Carlotta Lorenzetti: al suo debutto come presentatrice, Carlotta non ha deluso, conferendo brio alla serata ed allo stesso tempo incarnando il valore della semplicità, da sempre prerogativa del Costone.
La presentazione è iniziata sulle note della canzone che accompagna ogni volta le vittorie stagionali della Consum.it: Bandiera Gialla, eseguita per l' occasione dal vivo. E' venuto poi il momento dei discorsi dei presidenti dei tre organi principali: Don Giuseppe Acampa, per quanto riguarda l' Oratorio, Patrizia Morbidi per la squadra maschile e Luciano Ghezzi, dirigente dell' A.P.F.; tutti e tre hanno voluto puntare l' attenzione su quanto di buono è stato fatto nell'immediato passato, elementi da cui si deve ripartire per costruire anche l' annata che è alle porte. Subito dopo è stato dato spazio allo sponsor, la Consum.it, che ha rinnovato per altri tre anni l' accordo con il Costone, presente nella persona del presidente Ernesto Rabizzi.
Sono intervenuti alla serata inaugurale della stagione costoniana anche Bruno Valentini, sindaco del Comune di Monteriggioni, che ospita il PalaOrlandi, Roberto Montermini, in rappresentanza del CONI provinciale, ed infine Massimo Bianchi, assessore allo sport del Comune di Siena giunto all' ultimo anno del suo mandato, che ha rivolto un caloroso ed appassionato saluto alla società.
La serata è terminata con un buffet al quale hanno preso parte tutti gli intervenuti, sicuramente felici in cuor loro di aver visto ancora una volta la grande famiglia del Costone riunita insieme: è questo infatti l' obiettivo e il vero significato di serate come quella di ieri.