di dicembre 2013
Basket-Il punto sulla situazione di Guido Carli

Fine d’anno da incorniciare per il Costone di Pier Francesco Binella, che finalmente può guardare con soddisfazione alla classifica ed al lavoro dei suoi ragazzi: il mese di dicembre appena trascorso è stato infatti caratterizzato dai botti gialloverdi, tre per la precisione, tra cui il più grosso e sorprendente è sicuramente risultato quello della vittoria sul campo della Virtus.
Un Montepaschi in grande spolvero dunque, che si congeda al meglio da un 2013 avaro di soddisfazioni, che ha visto la retrocessione dalla Dnb e la rinuncia al titolo, ma che lascia in eredità al 2014 una squadra di giovani pronti a lottare in serie C e che sembra finalmente aver ingranato la marcia. Le domande con cui ci eravamo lasciati il mese scorso, sul reale valore e sulla continuità che il gruppo poteva esprimere, hanno trovato una risposta più che positiva e così i costoniani sono riusciti finalmente ad abbandonare la zona calda della classifica e ad issarsi a quota 12, in una zona tranquilla della graduatoria.
La serie positiva, realizzata come se non bastasse senza il preziosissimo contributo di Duccio Benincasa, è iniziata con la vittoria casalinga su Prato, ultima in classifica, che ha riscattato il brutto scivolone sul campo di Montale ed ha permesso di arrivare con la giusta carica alla stracittadina. Qui il Montepaschi ha realizzato un assoluto capolavoro, mettendo in mostra un basket migliore di quello dei cugini rossoblù, incappati in una giornata davvero storta: quello che non hanno potuto determinazione e spirito battagliero lo hanno fatto le decisive bombe degli esterni gialloverdi e, soprattutto, Luigi Bruttini, sontuoso dominatore della sfida con 33 punti.
Per finire l’anno in bellezza, l’ultimo botto: la bella vittoria sul parquet di Montarioso a scapito del Galli, altra società abituata ad altre platee, così come quella della Piaggia. Ancora una volta Bruttini strepitoso, 29 per lui, e pratica chiusa, seppur con le naturali difficoltà.
Quello che aspetta adesso Pier Francesco Binella ed i suoi ragazzi è un anno di conferme, anzitutto del potenziale della squadra, che non si finisce mai di scoprire. Da confermare, tuttavia, sono anche gli ultimi risultati, che sembrano raccontare di un gruppo che ha preso finalmente le misure alla categoria ed ha imparato a soffrire insieme per centrare la vittoria: è infatti vero che fin dall’inizio dell’anno non ci si è posti un vero e proprio obiettivo, ma è altrettanto vero che la voglia di fare bella figura è forte dentro tutto l’ambiente, così come quella di tornare ad “abituarsi” ad una squadra vittoriosa dopo le delusioni dello scorso anno.
Di tutt’altro tenore invece lo stato d’animo in casa APF: le ragazze di Duccio Petreni sono reduci da un intero mese senza vittorie. E’ pur vero che il calendario in questa fase non è stato dei più accomodanti con le senesi, che hanno incrociato le armi contro le prime quattro compagini della classifica: nell’ordine Ghezzano, Firenze (capolista), Livorno e Lucca.
Giudizio rimandato dunque quello sulle giocatrici costoniane, che tuttavia hanno dimostrato buone cose nella bruciante sconfitta casalinga contro Lucca: la squadra di Petreni ha infatti condotto per tutta la partita, tenendo bene a bada una delle migliori squadre del campionato e toccando anche la doppia cifra di vantaggio, ma ha subito prima la rimonta e poi la beffa finale a 11” dalla sirena.
L’anno che è alle porte mette subito di fronte al Montepaschi due occasioni da non fallire, nelle quali dimostrare per lo meno che il gruppo è all’altezza della categoria e attraverso cui risalire la china in classifica: l’incontro casalingo con Pontedera e la trasferta sul campo del fanalino di coda Montecatini, ancora a secco di vittorie. Ci si attendono dunque botti di inizio anno anche dalla sponda rosa della Piaggia, il ritardo sarebbe ampiamente perdonato!

Guido Carli