di giugno 2019
SERIE C SILVER - FINALI PLAY-OFF - VISMEDERI PENALIZZATA

INFORTUNI E ARBITRI CONDIZIONANO GARA 3. AREZZO SI PORTA SUL 2-1 E INTRAVEDE LA C GOLD. GIOVEDI’ SQUADRE NUOVAMENTE IN CAMPO. BENINCASA (300 PRESENZE IN MAGLIA GIALLOVERDE), LOTTA COME UN LEONE, MA ALLA FINE AREZZO CAPITALIZZA UN’OTTIMA DIFESA. FORTEMENTE CONTESTATO L’ARBITRAGGIO (SOLO 11 I FALLI FISCHIATI AGLI OSPITI). GIOVEDI’ SI TORNA IN CAMPO PER GARA 4 CHE SI GIOCHERA’ AL PALAORLANDI
Un finale di partita sterile (0-11 negli ultimi 3 minuti di gioco) ha condannato la Vismederi Costone che vede così in parte vanificato lo sforzo fatto in gara-2. La situazione adesso arride ad Arezzo che passando al PalaEstra in gara-3 si porta sul 2-1. E giovedì si tornerà nuovamente in campo alle ore 21, questa volta al PalaOrlandi con la Vismederi obbligata a vincere per tentare poi il tutto per tutto in occasione della bella prevista per domenica 9 giugno ad Arezzo. Di fronte a un numeroso pubblico, oltre 800 le presenze tra cui 150 sostenitori della formazione amaranto, la Vismederi rimane in partita fino a 3’ dal termine (59-61), poi la situazione falli e infortuni ha impietosamente condizionato le battuta conclusive, complice anche un calo di tenuta da parte dei ragazzi di Braccagni che nel finale hanno proprio mollato sotto i colpi di Dolfi e Cutini, i veri trascinatori assieme a Provenzal della squadra allenata da Omar Serravalli, nonostante una partenza tutta a favore dei senesi che all’inizio della 2^ frazione si sono trovati a gestire un vantaggio di 14 lunghezze (24-10) con le 3 bombe del sorprendente Panichi; gli ospiti però prima della pausa lunga hanno accorciato fino al 33-30. Poi è stato tutto un susseguirsi di situazioni di estremo equilibrio, con il lituano Kirlys utilizzato a intermittenza, che proprio sul suono della 3^ sirena ha messo a segno la tripla del sorpasso (50-51). Con Vittorio Tognazzi alle prese con un guaio muscolare a un polpaccio (solo 5’ in campo), con capitan Bruttini fresco di nozze, con Chiti dolorante alla schiena a causa di una brutta caduta a inizio gara, con Ceccatelli fasciato in testa e con una situazione falli in continuo peggioramento a causa anche di una conduzione arbitrale assai discutibile (solo 11 i falli totali fischiati ad Arezzo (!) contro i 28 di Siena tra cui 2 falli tecnici), la squadra ha fatto tutto quello che poteva, trascinata generosamente da un Duccio Benincasa, 300 presenze in maglia gialloverde, che fino all’ultimo ha spronato i suoi. Anche i tifosi della Piaggia hanno sostenuto con grande enfasi i propri beniamini e lo faranno anche giovedì prossimo: <Ringrazio di cuore la nostra tifoseria – ha detto a fine gara il presidente Montomoli – che non ha mai fatto mancare il caloroso apporto ai giocatori in campo. Siamo veramente una bella realtà e aldilà di come andrà a finire, sono orgoglioso di un ambiente che sulla scia dei successi conseguiti quest’anno a tutti i livelli, è cresciuto in maniera sostanziale.>
R.R.