di maggio 2008
A2 Femminile - Costone 67 - Chieti 66
.
.
BASKET SERIE A2 FEMM. – GIRONE B
CONSUMIT: CHE VITTORIA!
BATTUTA CHIETI E PLAY-OFF ANCORA LI’
Le ragazze di Fattorini vincono la prima al Palaorlandi
67-66
COMSUM.IT SIENA: Petrassi 6, Balestra 24, Vengryte 16, Cencetti 11, Carù 6, Filippetti 4, Cerri ne, Bozzi Ca. Gallerini ne, Vezzosi ne. All.Fattorini.
MOKAMBO CHIETI: De Luca 3, Di Matteo 14, Mason 13, Arioli 23, Cardinale 6, Mazzoni 3, Di Rocco 2, Poliandri 2, De Biase ne, Marino ne. All. Trivelli. 
ARBITRI: Angelici e Giancecchi.
Note: Parziali (17-19, 36-28, 61-46); TL Siena 9/18, TL Chieti 10/12.
SIENA – Anche la squadra femminile inaugura il nuovo impianto con una vittoria. E che vittoria! Una partita emozionante, con un grande pubblico che ha fatto sentire il calore del proprio tifo fino all’ultimo, con in prima linea i giocatori della formazione maschile. Tutto quanto molto bello, non poteva certamente mancare la ciliegina sulla torta che è arrivata allo scadere degli ultimi secondi, dove in pratica si è decisa la gara. Le ultime battute valgono la pena di essere raccontate: 41” al termine, Consum.it avanti 67-63 e tripla mozzafiato di Arioli (la migliore delle ospiti) che fissa il punteggio sul 67-66 con 29” da giocare. Siena cerca il tiro della vittoria sfruttando l’arco dei 24” ed è Carù che prende coraggio, ma il tentativo svernicia il ferro, la guardia senese però si incunea e carpisce una palla che vale oro. Sul nuovo possesso termina l’incontro, con l’entusiasmo costoniano alle stelle. Inizio equilibrato, poi nella seconda frazione le senesi, grazie ai canestri di Balestra, vanno sopra di 8 e dopo l’intervallo, al 25’ il vantaggio sale a +14 (49-35). Cencetti lotta come una leonessa ed al 28’ la Consum.it è sul +16. Sembra fatta, ma Chieti con una difesa mista che blocca Vengryte, ossessionata dalla marcatura stretta della colored Mason, si rifà sotto scardinando la zona di Fattorini. L’ultimo parziale di frazione è terrificante (6-20), ma Cardinale esce per falli e senza lunghe Chieti soffre ai rimbalzi, specialmente sull’ultimo che in pratica decide tutto.
Roberto Rosa