di gennaio 2010
SerieC-Costone 69 - Sassari 63

SASSARI RISUCCHIATO AL QUARTO POSTO DALLA CONSUM.IT COSTONE.
CONSUM.IT COSTONE SIENA: Franceschini N. 21, Cessel 10, Bonelli 2, Saccani 9, Catalani 9, Castri 12, Bruttini 6, Benincasa, Furi, Catoni ne. All. Zanotti.
AXA SASSARI: Piras M. 6, Sechi 15, Spissu 19, Bonsignori 2, Samoggia M. 10, Dessanti 9, Medda 2, Romano, Piras A., Pisano. All. Carlini.
ARBITRI: Suprano e Graziani.
Note: parziali (19-11, 41-32, 52-43)); Siena (T2 16/40, T3 4/20, TL 25/29); Sassari (T2 11/36, T3 11/31, TL 8/15.
di Roberto Rosa
SIENA – La Consum.it conquista i primi 2 punti del 2010 sconfiggendo al PalaOrlandi l’Axa Sassari, agganciandola così in quarta posizione a quota 18 punti, un traguardo che alla vigilia era impensabile raggiungere al termine del girone di andata. Che l’avversaria di turno sarebbe stata mal digeribile lo si sapeva: buona difesa, carenza di lunghi, ma ottimi tiratori dal perimetro. I sardi lamentano un’assenza pesante, uno dei fratelli Samoggia, Giuliano, secondo nella classifica marcatori, ma anche il Costone deve rinunciare a Nesi, colpito e affondato da un virus. La prima frazione, con le difese rigorosamente ad uomo, regalano poco spettacolo, anche se è la Consum.it a chiudere con 8 punti di vantaggio. Nel secondo quarto i padroni di casa provano ad alzare il ritmo del gioco ed al 16’ matura il primo break, dopo un fallo tecnico fischiato a Medda, che protesta fin troppo su una rimessa invertita dagli arbitri: dal 27-18 si passa così al 34-18, grazie ad un contropiede finalizzato da Franceschini e condito con una bomba sganciata da un Castri finalmente in formato super. Potrebbe essere la svolta del match, anche se l’intervallo ha da venire, ma i sardi non ci stanno: piazzando un contro-break di 2-12, che porta la firma di un ispirato Spissu, fanno capire che la partita è tutta da giocare (36-30 al 19’). Anche Sassari però va a corrente alternata ed il Costone ce la fa a chiudere sul +9, grazie ad un generoso Catalani. La seconda parte della gara inizia con molti errori su entrambi i fronti: si segna poco, si sbaglia troppo, ma la Consum.it è sempre avanti di una decina di lunghezze (50-40 al 28’). Prima della terza sirena Cessel commette il suo 4 fallo e le triple di Spissu, Sechi e Dessanti complicano i piani di Zanotti che nel frattempo si è arroccato con una zona 3-2. I sardi non mollano, anzi diventano minacciosi sul 62-60 ad 1’ e 30” dal termine, e le ultime battute sono di fuoco. Prima Cessel dalla lunetta con un preziosissimo 2/2 e poi Niccolò Franceschini con una delle sue micidiali entrate e con la solita mano fredda nei liberi, mettono il sigillo al successo senese.