di settembre 2005
Presentazione Palazzetto
PRESENTATO IL PROGETTO PER LA REALIZZAZIONE
DEL PALAZZETTO DELLO SPORT DEL COSTONE
 
Siena, 30 giugno 2005
 
 
A
nche il Costone vince il suo palio dopo tanti anni di attesa, presentando ufficialmente agli organi di stampa il progetto del Palazzetto del Costone, che sorgerà in via Giovanni XXIII, loc. Montarioso, in una zona al confine tra i comuni di Siena e Monteriggioni.
Alla presenza del presidente della Fondazione MPS Giuseppe Mussari, del sindaco del Comune di Monteriggioni Bruno Valentini, dei presidenti delle due società sportive costoniane, Aldo Ricci per il maschile e Luciano Ghezzi per il femminile, del progettista ing. Roberto Rey, che ha lavorato a fianco del collega Pietro Mele, del costruttore Giancarlo Dell’Olio, titolare della ditta omonima, il direttore del Ricreatorio Pio II don Giuseppe Acampa, ha fatto gli onori di casa introducendo la presentazione che è avvenuta nel Teatro del Costone. Dopo una breve introduzione don Acampa, che ha ricordato come l’idea sia scaturita dal suo predecessore don Gaetano Rutilo, ha informato i presenti dell’inizio delle attività di sbancamento e fondamentazione della struttura, dopo di che l’ingegnere Roberto Rey ha illustrato le caratteristiche del complesso.
La struttura sarà parzialmente interrata per ridurre l’impatto ambientale, data l’altezza minima del tetto pari a sette metri, e suddiviso in due livelli. Il rivestimento dell’impianto sarà in mattoni, per intonarsi all’ambiente circostante.
Il campo da gioco, dotato di tribune retrattili a cui si accederà da un ballatoio posto in alto, potrà essere raddoppiato sacrificando le tribune stesse, permettendo così due allenamenti contemporaneamente. Il campo da gioco, in occasione delle partite ufficiali, sarà trasversale ai due rettangoli da gioco; la capienza potrà raggiungere 1000-1200 persone.
Il progetto prevede anche la realizzazione di alcuni servizi (palestra-fitness negozi, snack bar, appartamento del custode) che consentiranno così entrate economiche destinate al mantenimento della struttura stessa.
Il complesso include anche un locale di Pronto Soccorso in comunicazione con il campo da gioco e via Giovanni XXIII, sei spogliatoi per gli atleti, altri spogliatoi per gli allenatori, gli arbitri ed il personale, una rimessa per i canestri, un deposito per gli attrezzi ed infine una passerella di collegamento in acciaio e cristallo che caratterizzerà la struttura.
L’accesso per il pubblico darà su via Giovanni XXIII ed un percorso lungo i margini dell’edificio condurrà al parcheggio retrostante. Gli atleti invece entreranno dal retro ed accederanno al piano inferiore. All’esterno saranno realizzati anche due campi da tennis in sintetico.
Presumibilmente entro la fine del 2006, le due società sportive A.S. Costone e A.P.F. Costone potranno avvalersi di questa struttura, che permetterà loro di poter programmare al meglio le attività delle prime squadre e dei settori giovanili, oltre che giocare le partite casalinghe finalmente in casa!
Dopo la presentazione dell’ing.Rey, sono intervenuti il presidente della Fondazione Mussari, il quale ha sottolineato la bontà dell’iniziativa, definendo il Costone "una realtà che guarda al futuro". Poi è stata la volta del sindaco di Monteriggioni Valentini, che soddisfatto del progetto, ha assicurato tutto il  proprio appoggio, durante e dopo i lavori. Sarà quella un’area destinata ad un grande sviluppo, soprattutto viario.
L’impianto avrà una valenza polivalente e potrà essere usato anche per manifestazioni diverse da quelle sportive (congressi, convegni, spettacoli etc.).
Un sogno che dopo 30 anni il Costone vede finalmente concretizzarsi.
     Marco Bruttini