di settembre 2010
SerieC-Costone vittorioso a Monsummano

Basket Serie C Dilettanti
CONSUM.IT COSTONE SUBITO A SEGNO. ESPUGNATO IL DIFFICILE CAMPO DI MONSUMMANO. I PLAY BONELLI E BENINCASA TRASCINANO LA FORMAZIONE SENESE ALLA PRIMA VITTORIA STAGIONALE. BENE ANCHE SOLFRIZZI, MA E’ IL GRANDE SPIRITO DI GRUPPO A FARE LA DIFFERENZA IN UN FINALE CONCITATO.
di Roberto Rosa

VEDI TUTTE LE FOTO

Meglio di così non si poteva chiedere alla formazione senese della Consum.it Costone che domenica scorsa ha iniziato il proprio cammino nel campionato di serie C, andando a violare il pur sempre difficile campo di Monsummano. Alla vigilia la trasferta in terra pistoiese era assai temuta dalla pattuglia di Zanotti, in quanto i termali, rispetto alla scorsa stagione, si sono rafforzati notevolmente andando a mettere a segno diversi colpi nella campagna estiva, primo fra tutti quello legato all’acquisto della guardia Giacomo Bonelli, ex Colle, ma anche ex Costone, che con un canestro da 3 a 15” dal termine, ha riportato Monsummano sotto di 2 punti. Ma la tenacia e la grande determinazione dei senesi ha consentito alla Consum.it di spuntarla in una finale a dir poco concitato, dove i tiri dalla lunetta hanno messo il risultato in cassaforte. E pensare che dopo le prime due frazioni, dove i giallo-verdi sono apparsi abbastanza impacciati soprattutto in fase difensiva, concedendo agli avversari troppo avvicinamenti a canestro, era difficile immaginarsi una reazione così rabbiosa, ma nel contempo razionale e decisa, che ad inizio terza frazione ha portato i senesi al primo vantaggio della partita. Poi è stato tutto un susseguirsi di altalenanti vantaggi, massimo 4 punti, che hanno tenuto in bilico la gara fino all’ultimo. Provvidenziali le bombe di Bonelli, Solfrizzi e Franceschini, nonché i canestri di Benincasa e Castri, giunti proprio nel momento più propizio. Ma a parer nostro la gara è stata vinta, oltre che nella precisione al tiro, nell’intensità difensiva che all’ultimo ha premiato i costoniani. Senza la possibilità di schierare l’ala Pippo Franceschini, ancora fermo a causa di una distorsione ad una caviglia, e con Spampani ancora non al meglio delle condizioni, coach Zanotti si è visto costretto a fare i conti con una panchina piuttosto corta; stoica la gara di Cessel che nel finale ha spizzicato tutti i palloni alti, concedendo utilissime seconde palle ai suoi compagni, che hanno saputo controllare al meglio l’esiguo vantaggio. Bene anche Gambelli, un po’ ingessato all’inizio, ma che con il passare dei minuti ha preso sicurezza nei propri mezzi, così come Bruttini, sempre attivo in fase offensiva. I già citati Bonelli e Benincasa hanno comunque impressionato per la loro incisività, il primo assumendosi delle responsabilità in uno dei momenti più difficili della gara, l’altro per aver saputo gestire con grande mestiere, soprattutto un’ultima frazione dove era necessario controllare i nervi e far ragionare il cervello. Vi è stato poi l’episodio che sarebbe quasi da filmato su Yootube, capitato sul finire della terza frazione, con Monsummano che grazie ad una tripla scagliata da Monti a 3” dal suono della sirena, se ne è andato dai propri sostenitori ad esultare per la sua bomba e per l’incoraggiante vantaggio di 7 punti. Ma mentre Monsummano festeggiava, Solfrizzi da metà campo tentava il tiro della disperazione, trovandolo grazia anche alla complicità del ferro. Gelido totale tra i padroni di casa, mentre sulla panchina senese il coraggio riaffiorava, facendo da prologo ad un ultimo quarto assai avvincente. Aldilà della vittoria, che già conta molto, questi due punti servono soprattutto al morale. La squadra ha dimostrato di esserci e questo è già un grosso passo avanti; lavorando, non si può che migliorare, questo è il credo del tecnico Zanotti e del suo vice Simone Cini, comprensibilmente felici al termine di questa prima fatica. Adesso non rimane che aspettare il rientro di Pippo Franceschini, che forse non sarà pronto per la prossima contro Pontedera, e l’impiego del pivot Spampani che scalpita in attesa di dare il proprio apporto alla squadra.