di aprile 2006
SerieC1 - Presentazione Costone - Galli

Vietato distrarsi

 

Mancano 120’ minuti alla fine della stagione regolare, 3 partite difficilissime per la MontePaschi Vita Costone a cominciare proprio da oggi visto che è di scena al PalaGiannelli l’Oti San Giovanni Valdarno squadra che veleggia nelle primissime posizioni di classifica.

Gli avversari sono una delle società più titolate della Toscana e non solo; molti gli allori nazionali giovanili colti dalla società valdarnese e molte anche le "battaglie" che la stessa compagine ha fatto proprio con il Costone nella ormai lunga storia delle due società.

San Giovanni schiera una squadra molto simile a quella costoniana in quanto mix di esperienza e freschezza degli ottimi giovani inseriti nel roster; se da una parte il trio Bernardelli, Vannini e Nardi assicura solidità sotto le plance, il Galli conta anche su un reparto esterni di ottima qualità tra cui spiccano le ali Barbarossa e Gosi, la guardia Dolfi e la "mosca atomica" Tracchi. Quest’ultimo atleta, classe 1986, si è imposto all’attenzione di tutti perchè da due anni a questa parte,a dispetto di una stazza non certo da corrazziere, offre delle prestazioni di livello assoluto sia in fase realizzativa che in fase di impostazione del gioco: un play tascabile ma dalle ottime potenzialità.

Il gruppo allenato da Piccioli è quindi un’ottima squadra che gioca insieme da tempo e che ha automatismi ben rodati: i valdarnesi hanno letteralmente dominato il girone d’andata giocando un basket veloce e spettacolare, solo nell’ultime gare hanno manifestato un leggero calo di rendimento dovuto anche ad alcuni fastidiosi infortuni.

Ma non parliamo di corda in casa dell’impiccato! Il Costone si presenta a questo appuntamento senza Dell’Aquila reduce dall’infortunio alla caviglia rimediato nella vittoriosa trasferta di Assisi, e con i dubbi legati alle condizioni di J. Bindi e Campini.

La MPV Costone sembra però, partita dopo partita, aver assunto una fisionomia di squadra e soprattutto di gruppo trovando le forze per superare gli ostacoli: dopo il finale sciagurato che ha portato la sconfitta casalinga contro il Cus, c’è stata una reazione importante e forte proprio nella trsferta in Umbria dove la squadra ha giocato un’ottima gara come collettivo, supplendo così all’infortunio di Dell’Aquila occorso nei primi minuti di gioco.

Vittoria importante( la terza consecutiva in trasferta) per la classifica ma soprattutto per il morale che ha permesso di mantenere una posizione interessante nella graduatoria anche se ancora non c’è la matematica sicurezza di aver raggiunto il traguardo dei play-off.

Sarà una partita difficile, quindi, sarà la partita del grande ex Andrea Fabrizi, nato cestisticamente al Galli e per anni miglior realizzatore della stessa società, che da novembre veste la maglia costoniana, collezionando ottime prestazioni. 

Date queste premesse guai a distrarsi perchè il cammino è ancora lungo e difficile , mantenere alta la concentrazione ceracando di bissare l’ottima prestazione di squadra prodotta nell’ultima gara.